NUOVO MODULO AUTOCERTIFICAZIONE DI VIAGGIO -in vigore dal 26/3

...

24/03/2020

 

Il nuovo modello tiene conto delle novità apportate dal Decreto-Legge 19/2020, in vigore dal 26 marzo 2020

Cambia nuovemente, adattandosi alle previsioni del D.L. n. 19 del 25 marzo 2020, il modulo per l'autocertificazione dei cittadini che intendono spostarsi (cd. autodichiarazione Coronavirus): lo ha annunciato il Capo della Polizia di Stato Franco Gabrielli, il quale ba precisato come il nuovo modello abbia l'obiettivo di contrastare ulteriormente i comportamenti non in linea con le restrizioni imposte dai provvedimenti in vigore.

Rispetto alla versione del 23 marzo 2020, il nuovo modulo cambia notevolmente e contiene delle righe inerenti le motivazioni specifiche che giustificano lo spostamento qualora siano in vigore disposizioni regionali particolari. Non solo: bisogna dichiarare di essere a conoscenza delle sanzioni previste dall’art. 4 del decreto legge 19/2020, cioè multe (sanzioni amministrative) da 400 a 3.000 euro e pene ancor più severe (penali, con arresto da 3 a 18 mesi ed ammenda da 500 a 5.000 euro) per chi viola la quarantena in quanto positivo al virus.

Modulo autodichiarazione: breve guida alla compilazione

Il modulo di autocertificazione per gli spostamenti può essere stampato e compilato prima di uscire di casa. In alternativa è possibile compilarlo anche al momento del controllo (fornito dalle Forze dell'Ordine). Si compila così:

  • generalità (nome, cognome, data di nascita, indirizzo di residenza e di domicilio se differente, numero del documento identificativo);
  • indicazioni dell'indirizzo di inizio spostamento e dell'indirizzo di destinazione;
  • completare la parte sulle ulteriori limitazioni regionali (spostamento nella Regione o tra regioni) e motivazione (potrebbe essere la stessa da indicare successivamente, ma i provvedimenti regionali potrebbero altresì imporre limitazioni ulteriori che escludono alcune casistiche, ad esempio nelle "zone rosse");
  • barrare una delle ragioni per cui si è effettuato lo spostamento, a scelta tra: comprovate esigenze lavorative, assoluta urgenza, situazioni di necessità (es. anche acquisti alimentari, eventualmente anche in comune limitrofo al proprio, se il punto vendita è il più prossimo), motivi di salute;
  • fornire una breve spiegazione del motivo già barrato in precedenza.

Il documento va firmato e poi verrà verrà controfirmato dagli Agenti di Polizia che compileranno anche la sezione relativa alla data e all'ora del controllo.

NB - L'autocertificazione è necessaria per qualsiasi spostamento al di là del mezzo utilizzato e non sono ammessi moduli digitali. L'unico modello ammesso è quello cartaceo. In caso non fosse stampata o compilata preventivamente sarà fornita al momento dell'eventuale controllo.